Obiettivi e risultati chiave per misurare quello che conta davvero.

Di OKR ne avevo parlato per la prima volta in questo mio post su Linkedin #12 Chi di voi conosce il metodo OKR? e proprio in questo articolo avevo deciso di approfondire il tema leggendo il libro “Rivoluzione OKR: Scopri il metodo degli obiettivi e risultati chiave, per misurare quello che conta davvero“, scritto da John Doerr, il rinomato venture capitalist, tra i primi investitori e consigliere di amministrazione di Google e Amazon.

Ho iniziato la lettura di questo libro con alte aspettative, navigavo a vista tra preconcetti dell’ennesimo libro che svela un approccio non replicabile, e invece, fin dalle prime pagine del testo, mi sono fatto catturare come se fossi in una trama di un giallo.

OKR è un acronimo per Objectives and Key Results (obiettivi e risultati chiave) e, come viene spiegato nel libro è “una metodologia di management che contribuisce a far sì che gli sforzi di tutto l’organico dell’azienda siano focalizzati sugli stessi elementi importanti”.

Citando sempre le parole di John Doerr, “Un OBIETTIVO, spiegavo, è semplicemente COSA deve essere raggiunto, né più né meno. Per definizione, gli obiettivi sono significativi, concreti, orientati all’azione e (idealmente) motivanti”, mentre “I RISULTATI CHIAVE (key results, KR) sono un banco di prova e tengono sotto osservazione COME arriviamo all’obiettivo. KR efficaci sono specifici e limitati nel tempo, aggressivi ma realistici.

Perché sono così importanti? Perché gli obiettivi “possono ispirare i dipendenti e migliorare le performance” e “la produttività viene aumentata da traguardi impegnativi ma ben definiti”.

Tra le aziende che hanno adottato questo approccio c’è anche chi afferma che “Gli OKR ci motivano a eccellere, facendo più di quello che pensavamo fosse possibile.

Gli OKR hanno alla base un miglioramento continuo e raggiungono la loro massima efficacia in accoppiata con i CFR acronimo per Conversation, Feedback, Recognition (tradotto in Conversazioni, Feedback e Riconoscimenti).

Tra le aziende che adottano gli OKR ci sono Intel, Google e Amazon, tre nomi che già di per sé costituiscono una garanzia.

Grazie agli OKR tutta l’azienda fa in modo che tutte le energie e le risorse e le azioni puntino tutte nella stessa direzione, massimizzando i risultati.

Dopo aver letto il libro, ho iniziato i primi esperimenti con gli OKR e sto continuando a studiare questo potente strumento, perché “Gli obiettivi sono la sostanza dell’ispirazione e degli orizzonti lontani; i risultati chiave sono più piantati per terra e definiti dalle metriche.

Se leggendo questo articolo trovate qualche analogia tra Scrum e OKR, ci avete visto giusto: pur avendo scopi e obiettivi diversi, questi due sistemi hanno molto in comune, vi invito a leggere l’articolo dedicato sul sito ufficiale dell’autore: Scrum and OKRs: What’s the difference?

Quindi qual è il prossimo passo che vi consiglio di fare? Di andare subito a comprare questo libro, leggerlo e provare a metterlo subito in pratica perché, gli OKR sono come coltellini svizzeri, adatti a ogni ambiente.

E se avete ancora qualche perplessità, “gli OKR sono una forza potente e collaudata per l’eccellenza operativa: e se vanno bene per Google, perché non dovrebbero funzionare anche per voi?

 

Copertina libro OKR

Rivoluzione OKR

di John Doerr
Collana: Modelli di Business
Argomenti: Impresa, strategia e gestione
Editore: LSWR
Anno di pubblicazione: 2019
Isbn: 9788868957049
Prezzo di copertina: € 22,90
Disponibile anche in ebook

Compralo online sul sito dell’editore

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli sullo stesso tema:

Leggi anche:


Resta aggiornato

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendomi accetto il trattamento dei dati come descritto nell'informativa privacy.